giovedì 20 ottobre 2016

In compagnia di un astronauta lunare

Alfred Worden è partito da alcuni giorni, tante le emozioni vissute con lui e con gli ospiti dell'evento.  Per l'organizzazione di questo primo evento italiano, devo ringraziare molte persone, primo fra tutti Dario Kubler che ha appoggiato la mia idea impegnandosi per la sua realizzazione.  Grazie allo staff che non si è risparmiato.  Grazie a Paolo Attivissimo per la precisa e puntale traduzione durante l'evento. Grazie all'Associazione ADAA; all'Hotel Sheraton di Malpensa e QBT di Alessandro Barazzetti che ci hanno sostenuto. Di seguito potrete leggere alcuni dei tantissimi messaggi ricevuti da amici, addetti ai lavori e partecipanti. I volti sorridenti corrispondono esattamente alla piacevole serata, condita da una breve conferenza di Alfred Worden, una cena di alto livello e diversi momenti divertenti. Worden è stato disponibile con tutti i partecipanti salutandoli uno per uno.















Tranquillity Base di Roberto Ajolfi - The Tethered Astronaut - La conferenza
Paolo Mattelli - Il Giorno.it
Adrian Fartade - Divulgatore  Sono stati tra i giorni più belli della mia vita! Ho fatto il pieno di entusiasmo e ricordi per un bel po' di tempo e mi ha fatto davvero piacere conoscere tutti gli appassionati di persona.
Paolo D'Angelo - Giornalista  Grazie di tutto Luigi! Felice per una splendida giornata. Una volta credevo di essere il solo "malato" di Spazio. Da oggi so di essere in buona compagnia!

Luigi Rosa Grazie Luigi, grazie ADAA, grazie a tutti! Ricordo ancora adesso quando otto anni fa, il Presidente della Repubblica in un discorso aveva dichiarato: "Entro il 2016 porteremo allo Sheraton di Malpensa un astronauta e lo riporteremo a casa son e salvo".

Rodri Araya Venerdì e sabato sono stati due giorni da incorniciare, complimenti davvero. Hai, e avete, realizzato un vero spettacolo. Dario e Luigi sono due eroi. Applauso per tutti quelli che li hanno costruito un evento semplicemente splendido. Nelle prossime ore spiegherò con immagini cosa intendo.
Vincenzo Gallo - UAI Sezione Astronautica Ragazzi... non so più cosa dire. Una emozione senza fina. Soprattutto incontrare tanti di voi, tanti volti nuovi e tanti con cui abbiamo diviso altre "missioni". Mi auguro che in futuro si continui questa simpatica tradizione.

Emanuele Cambiotti - Turistinelcosmo Grazie a tutti di cuore. Felice di avervi conosciuto tutti di persona e dare il volto ad ogni appassionato e sostenitore di ADAA. Due giorni all'insegna della condivisione e della scoperta. Credo sia l'inizio di una grande avventura dove Luigi ha timonato una nave in mezzo ad una tempesta... 

Paolo Miniussi - Octobersky Grazie a un "pazzo" come Luigi e a tutto lo Staff! Passerei delle settimane così... Gli eventi come questo rendono certi uomini (Worden) immortali. 

Giuseppe Erifanti - Professore Liceo Kennedy Grazie a tutti. Sono state due giornate bellissime e sono felice di avervi incontrato e conosciuto di persona. La la sprizzava passione e "serenità" da tutti i pori. Preghiera del mattino: San Luigi, dacci il bis!

Alberto Villa - Pres. Astrofili Peccioli Ciao Luigi, non posso non ringraziarti per le emozioni che ho provato in questi due giorni, grazie a questa tua iniziativa. Due giorni da incorniciare, indimenticabili … tra i più belli che potrò mai ricordare. Grazie per aver capito quanto ci tenessi a una cosa del genere, e avermi concesso – credo proprio – anche qualcosa in più. Che Worden sia una persona eccezionale per quello che ha fatto, penso ci voglia poco a capirlo: ma in questi due giorni così intensi ho avuto la percezione di una persona ancora più eccezionale dal punto di vista umano, al punto da provare sincero e profondo dispiacere per quanto ci ha raccontato del suo ingiusto allontanamento da Huston. Se avessi occasione e pensi gli possa far piacere, ti prego di dirgli quanto abbia lasciato un segno. L’opportunità di poter cogliere questi aspetti e di poter “personalizzare” un pochino - nel mio piccolo - questa esperienza … mi ha semplicemente fatto toccare il cielo con un dito… da tanto non accadeva!  Oltre a dirti grazie … voglio farti i più sinceri complimenti, ma proprio di cuore, per quello che sei riuscito ad organizzare e per  come sei riuscito a farlo: tutto sopra le righe! Entrare in Casper con Worden è stata una ciliegina sulla torta che non mi sarei mai aspettato … un sogno che speravo si potesse avverare, ma proprio senza convinzione, visto che non mi è mai capitato di vincere nulla! Ma questa pareggia il conto col passato!  Spero davvero a presto.

Claudio Covolla 
Gentilissimo e al solito... "professionale".  Penso di non essere l'unico a dirti che hai fatto una cosa "grandiosa" e mi pare riuscita secondo le migliori aspettative. Se qualcosa non ha funzionato io non me ne sono accorto. E sono uno attento e critico.

Fitton Colin (Inghilterra) Ciao Luigi, Just a very quick email to say 'Grazie'  for the Al Worden event. I thoroughly enjoyed my time in MIlano ( well the Sheraton & the airport ), & the Al Worden lecture. The event was very well organised & I'm sure you put a lot of hard work into it. It was a long day & I was very tired when I finally got home but I'm really glad I went & supported the event. IF you manage to persuade more Apollo astronauts to come to Italy, I will again try & support the events. Cordiali Saluti

Luca Migliavacca Complimenti per l'evento. Molto bello ed emozionante.

Biagio Cimini Luigi, Volevo solo ringraziarti per la bellissima serata. Una organizzazione impeccabile, una splendida location, l'emozione di incontrare il Col. Worden e il piacere impagabile di passare del tempo insieme a persone accomunate dalle stesse passioni.



lunedì 3 ottobre 2016

Uno sguardo indietro alla missione di Rosetta.

Pochi giorni fa in occasione della Notte dei Ricercatori mi trovavo presso l'Agenzia Spaziale Italiana insieme ad altri divulgatori e amici. Il giorno era speciale davvero, perché era il giorno di "Rosetta", il suo ultimo giorno di vita. Tutti insieme con gli occhi rivolti ai monitor abbiamo atteso l'istante in cui la missione è stata dichiarata ufficialmente chiusa. Un velo di tristezza nelle donne e gli uomini dell'ASI e dell'ESA, ma anche l'orgoglio di avere partecipato ad una grande impresa.

Il 30 settembre 2016, alle ore 07:27 EDT la missione Rosetta è finita. L'ESA (Agenzia Spaziale Europea) responsabile della missione avuto la conferma che il veicolo spaziale è atterrato sulla superficie della cometa, chiudendo così la sua missione dopo 12 anni.

Rosetta ha lasciato la Terra nel 2004 con il lander Philae annidato all'interno di essa. Le due sonde hanno incontrato la cometa 67P circa 10 anni più tardi,  Philae sganciata dalla sonda madre ha toccato la Cometa nel novembre 2014. Mentre la missione di Philae non è durata a lungo, Rosetta ha raccolto dati per anni.

Geoff Yoder, in qualità di amministratore associato per Science Mission Directorate della NASA: "Essere  così vicini ad una cometa per più di due anni ci ha dato informazioni preziose circa questi nomadi (Comete) dello spazio profondo."


Gli scienziati erano particolarmente interessati a studiare una cometa da distanza ravvicinata perché gli oggetti ghiacciati rappresentano gli avanzi dalla formazione dei pianeti del sistema solare più di 4 miliardi di anni fa. Rosetta durante il suo periodo in orbita è riuscito a trovare una grande varietà di molecole nell'atmosfera della cometa 67P.  La sonda ha trovato un discreto numero di elementi familiari, ma forse il composto più eccitante scoperta è la Glicina, un aminoacido. La Glicina e le altre molecole organiche presenti nell'atmosfera della cometa sono conosciuti come i mattoni della vita, proprio perché la vita come la conosciamo ha bisogno di questi tipi di sostanze organiche per sopravvivere. Questa non è la prima volta organici sono stati trovati su una cometa sia. La scoperta di Rosetta rafforza scoperte della sonda Stardust della NASA, che annusò la Glicina su un'altra cometa.

Gli scienziati non erano sicuri se Rosetta sarebbe sopravvissuta al passaggio ravvicinato della cometa 67P con il Sole, ma l'orbiter è riuscito nell'impresa di superare il momento critico e studiare la cometa per un'altro anno.

La sonda ha sentito il suono della cometa nel 2014. Essi hanno scoperto che la "musica" della cometa viene da movimenti nel campo magnetico dell'oggetto, creato da particelle solari che sbattono nell'atmosfera della cometa 67P e la  caricano elettricamente.

Il lander Philae finalmente trovato da Rosetta. Credit:ESA / ROSETTA / MPS
Alcune immagini sorprendenti del lander bloccato in una crepa nel buio della cometa. E 'stato trovato parzialmente rovesciato su un lato quasi due anni dopo il suo atterraggio sfortunato sulla superficie della cometa.

Invece di attaccarsi sul posto, Philae è rimbalzato, finendo in una parte completamente diversa della cometa di quanto inizialmente previsto. Da quel momento, i responsabili della missione sono stati a caccia di Philae con le telecamere di Rosetta e il tentativo di entrare in contatto con il piccolo lander perduto è fallito.

A un certo punto, l'Agenzia spaziale europea ha rinunciato a cercare di comunicare con il lander, ma i controllori non ha mai rinunciato la loro speranza di trovarlo.

E ora, i due veicoli spaziali continueranno il loro viaggio nello spazio profondo volando insieme sulla superficie della cometa 67P.

La visualizzazione del segnale radio scende...  La trasmissione finale da Rosetta arriva sulla Terra. Credit: ESA


Sala stampa dell'ASI con l'Ing Dario Kubler e Paolo Miniussi. Credit:Miniussi
Sala stampa dell'ASI Credit: Luigi Pizzimenti